Mamma fuori dagli schemi: i miei 3 mantra

A volte desidererei semplicemente che tutto fosse più facile.

Ma questa è la strada che ho scelto, ho scelto di essere una mamma presente, ho scelto di educare Matti con empatia e crescerlo con fiducia.

Credo davvero in questo ed è ciò che mi fa andare avanti nei momenti più difficili.

Quindi eccomi qui nel bel mezzo dell’evento più importante che organizzo, cercando un angolo per allattare il mio nano mentre penso al sound check, allestire la location e controllare che tutti i performer siano pronti.

Da quando è nato Mattia non ho mai smesso di lavorare, a soli 20 giorni era già in sala prove con me, mentre io, con lui attaccato al seno, coordinavo e coreografavo uno spettacolo.

A meno di due mesi abbiamo volato in Russia per insegnare in un evento di danza.

A 3 mesi aveva già fin troppe esperienze di vita.

Ma come si affronta la vita da genitore eclettico, artista o viaggiatore?

Ecco i miei 3 mantra per affrontare con un bambino una vita fuori dagli schemi:

1. MANTENERE LE ROUTINE CHE SI HANNO NELLA QUOTIDIANITÀ. Ero terrorizzata dal fatto che Mattia potesse soffrire per i continui cambi di vita/ ambiente/ persone intorno a se, finchè un’ostetrica non mi desse il consiglio che cambiò il mio punto di vista:”tu sei la sua casa.” E in effetti aveva ragione. Fin da piccolo è bastata la mia presenza per farlo sentire a casa ovunque ci trovassimo. L’aiuto in più che ho potuto dargli è stato cercare in ogni viaggio/evento di mantenere almeno un paio di elementi familiari alla nostra vita di casa: l’orario della nanna, gli stessi giochi, i momenti coccole tutti insieme…insomma qualcosa che potesse fargli capire che la sua casa può essere ovunque.

2. ESSERE APERTI ALLA POSSIBILITÀ DI CAMBIARE I PIANI: Ho sempre pensato che avere un bambino mi avrebbe costretto ad organizzare le giornate nel dettaglio, invece l’esperienza mi ha fatto capire che cercare a tutti i costi di mantenere una schedule rigida con un bambino non funziona se sono io la prima a farlo tuffare nella mia vita costantemente piena di imprevisti. Quindi cosa fare? Ovviamente non si può vivere allo sbando, però il mio consiglio è di guardare sempre i segnali del bambino e capire se i piani che avevamo preprato nel dettaglio per noi e per lui stiano andando contro le sue reali esigenze del momento, restando sempre positivamente aperti a qualche inversione di rotta.

3. ARMATEVI DI CORAGGIO E INCOSCIENZA. Perchè posto già che le cose non andranno come programmate, se siete pronti ad affrontare piccoli imprevisti, buttatevi in nuove esperienze. Spesso le cose che riteniamo impossibili sono solo quelle che non si ha il coraggio di provare, quindi pronti a portare con voi PAZIENZA, CORAGGIO ed una buona dose di INCOSCIENZA.

In Italia si dice: “hai voluto la bicicletta? Mo pedala.” Quindi eccomi qui, pronta per la corsa che mi riserva questa vita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...